Tuesday, September 28, 2010

Padeletti Brunello 1986

They say opening an old wine is like stepping back in time. I'm not old enough to say much about time travel, but I can say that these great old wines are unlike any other. This is only the second 'old' wine I've had; the other I also drank this month. I can't say I have that much experience in the matter, but none the less, I do want to share my thoughts. Padeletti, Brunello maker, restaurant owner and a good friends of ours, already have a name for themselves in the wine world, and recently recieved rave reviews by Decanter magazine and Duemilavini for the latest entry, the 2004 Brunello Reserva.
We have, however, known about their amazing wines since we first meet them three years ago. Our love for their wine took us to another level last night when opened a bottle from 1986. After letting the wine breath for awhile, after all, there was air from 24 years ago in there... we poured two glasses and cheered to new tastes. At first, I must admit, I was slightly upset about the light oxidized taste I found. I thought, ok lets wait another minute or two and see if the glass evolves some more, which it did. As time went on the brown-orange wine opened, and aromas of chocolate, sage, vanilla, sweet tobacco, liquorish, balsalmic, pepper, and rich, ripe fruits. In some way it reminded me of a port, but not as heavy or syrupy. The Brunello still carried itself well, on its last legs of acidity which tingled the back of my tongue, and was warm, round and full-bodied like any red from Montalcino. We paired it with another favorite of ours, steak tartar, and two went hand in hand. Two classics, what a night! With new information at hand, my research on trying new, old wines will continue; I look to the future to see whats next.
Padeletti will be at the Hotel Monaco in Venice the 17 of October for the Brunello Festival.
Dicono che aprire una bottiglia sia come tornare indietro nel tempo. La grandi annate passate spesso costano un occhio dalla testa e se si ha la possibilità di aprire qualche bottiglia che abbia più di una decade, ragazzi li veramente dovete dare il meglio di voi per capirla apprezzare tutto quello che il vino può dare. Questi grandi vini possono veramente emozionare, toccare il cuore come è successo un paio di sere fa. Padelletti, produttore di Brunello, ristoratore buon amico nostro ma già ha il suo nome scritto tra i grandi. Recentemente ha ricevuto una bellissima recensione dalla rivista inglese Decanter e anche h avuto grandi valutazione sulla guida Duemilavini con il suo Brunello Riserva 2004.
Li abbiamo conosciuti 3 anni fa circa ma il nostr amore per loro a toccato altri livelli quando abbiamo aperto il loro Brunello 1986. Dopo averlo fatto respirare per un po' (pensate di rimanere in una stanza al buio per più di 20 anni e uscirne di corsa alla luce del sole senza usare un bel paio di occhiali Ray-Ban per proteggere la vostra vista) versato senza decantarlo piano piano nel bicchiere. Il sapore di una vita nell'eleganza di questo vino. Il caldo della vendemmia s'incontra con la mia mente travolge il mio pensiero. Le durezze che caratterizzano il vino si trasformano in morbidezze vellutate, acrobazie su tessuti preziosi, visioni di disincantate damigelle che aspettano di esser corteggiate. Un'evoluzione del gusto!
Cioccolato, salvia, vaniglia, tabacco dolce, liquirizia, balsamico, pepe e un frutto ancora ricco.
A Venezia il 17 Ottobre lo potete incontrare al Benvenuto Brunello all'Hotel Monaco Gran Canal non lasciatevi sfuggire questa incredibile esperienza.

Friday, September 17, 2010

Brunello Wine Fair

On the 17th of October, at the Hotel Monaco in Venice, The Consorzio (group) of Brunello and A.I.S. present 'Welcome Brunello to Venice.' With over 30 Vineyards present, the event will offer some of the best wine produced in Italy. Brunello has a long history in Tuscany, specifically in the medieval town of Montalcino. Now, centuries later it is one of Italy most important wines. Hope you can join us for a wonderful day of fine wine in the beautifully set Hote Monaco.

Wednesday, September 15, 2010

Verdejo by Herederos del Marques de Riscal

Spanish wine is complex and full of flavor, just like their food. One must complement the other right? The rioja wine is a great example of a powerful Spanish wine but its not the only one. This time we're talking about a white, a verdejo. Produced byHerederos del Marquès de Riscal, one of the most known Spanish winemakers, its party of flavors, smells and tastes. What stood out the most, was its particular grafite or limestone aroma. Definitely a mineral wine, its also quite salty and fruity, melon, granny apple, pinapple, apricot, and also has hints of wild flowers and tomato vines. Definitly acidic on the palate, its also fresh and light but round and warm at the same time. Incredably persitant, we paired it with a dinner of stuffed muscles. The sweetness of the shellfish with the drop of fresh tomato sauce layered on top paired perfectly with wine bringing out its sapidity and freshness.

Il vino spagnolo è intenso e pieno di profumi in poche parole complesso come i piatti creati dalla cucina spagnola, complessità nel vino si sposa bene con la complessità del cibo. Il Rioja è un grande esempio di potente vino spagnolo, ma non è l'unico.Questa volta parliamo di un bianco, un Verdejo. Prodotto da Heredeos del Marquès de Riscal, uno dei più conosciuti wine maker, è una festa di profumi e sapore. Quello che riusciamo a sentire clamorosamente è l'aroma di grafite e di calcare. Sicuramente un vino minerale è anche abbastanza sapido; fruttato con toni di melone, mela verde, ananas, albicocche e anche un tocco di fiori selvatici e di foglie di pomodoro. Fresco in bocca si sviluppa con leggerezza e rotondità. Incredibilmente persistente! Abbinato in una serata calda d'estate ad un piatto di cozze ripiene al forno, so good. La dolcezza delle cozze cucinate con una goccia di pomodoro versata in cima del ripieno si combinava perfettamente con la sapidità e freschezza espressa dal vino.

Friday, September 10, 2010

Prime Steakhouse, New York with Slaughterhouse Syrah

Eventually most people move out of New York City to the suburbs, where space is available to put up a white picket fence and have 2.5 kids. In the past, moving to the 'countryside' meant just that, but nowadays places like Long Island have much more to offer. Prime, a steakhouse located on the bay in Huntington, is a NYC rooftop restaurant brought to life on the island. The enormous restaurant sits on an equally large deck, offering an amazing view of the bay and the boats parked within it. Modern and spacious the restaurant is always trying to capture the latest trends in food and design and has a bible-sized wine list- perfect for us!

We ordered a bottle of Syrah by Slaughterhouse, a smaller vineyard in Napa which I had previously tried at another NY restaurant. A bit unbalanced with 14.4% alcohol which came through a bit too much, and the slightly young, just about ripe, prune and blueberr
y fruits. It was warm and nicely tannic, buttery, chocolatey and intense, but personally I think it needed more time to mature (it was a 2005). The wait staff is knowledgable and friendly, helping to decided which meal is best suited for you. Given that it is located on the water, we decided to start off with some little necks; clams on the half shell typically found on long island. For the main course, steak was an obvious choice for all. I had an extremely tender skirt steak with three dipping sauces, while the others choose the beef wellington smoothered in bordelaise creme sauce. The portions were huge, but given that everything was so deliscious, we had to make room for desert. A peanut butter and chocolate fondue, to be dipped in with marshmallow, banana, strawberry and poundcake... really I am at a loss for words at this point.
We washed it down with a late harvest tannat- a port-like wine from Uruguay which I can't say Ive tried before. Soft, round, intense, fruity, exactally what I love in desert wines.
Overall the night was wonderful, one of the best restaurants I've been to in a long time. They have four other places, all on Long Island, perfectly located for the translocated Manhattanites.

Spesso molta gente trasloca fuori New York City verso le periferie dove c'è più spazio e si può finalizzare il sogno d'avere uno steccato bianco che confini la tua casa dei sogni e avere 2,5 bambini! Tutto ciò era traslocare nel Countryside ma oggiggiorno a Long Island ha molto più di questo da offrire. Prime è una Steak House situata sulla Baia di Huntington è essenzialmente una tipico ristorante sul tetto di un edificio di NY trasportato a Long Island. E'disposto in egual misura tra l'interno e l'e

strerno con affacciata la Baia con una visa mozzafiato. Si possono anche ormeggiare le barche. Moderno e spazioso questo risctorante cerca di rincorrere le ultime mode nel cibo e nel design del locale, ha una lista di vini grande come un bibbia, perfetta per noi. Abbiamo preso un bottiglia di Syrah di Slaughterhouse, un piccolo produttore di Napa Valley(California) che avevo già provato in un'altro ristorante a NY. Un po' sbilanciato sulle morbidezze con un tenore alcolico di 14,4% , molto giovane con nounce di prugna e frutti di bosco, era caldo e tannico con un gusto di burro e cioccolato. Personalmente credo abbia bisogna di maggior affinamento era un 2005. Lostuff del locale era molto amichevole e ben preparato e ci ha aiutato a decidere quale piatto era meglio per noi.

Il locale era nella baia e quindi meglio iniziare con dei Tartufi di Mare pescati nella Baia di Long Island e serviti con la tipica Cocktail Sauce Usa, ketchup e Cren. Ordinammo naturalmente una bella bistecca di manzo Skirt che in italiano ho scoperto si chiama Tasto la parte sopra il costato, ccompagnata da tre diverse salse. Le altre scelte sono state Beef Wellinghton, un pezzo pregiato di manzo avvolto in una crosta di pasta sfoglia e salsa Bordolese. Le porzioni erano enormi ma dato che avevo notato che i dolci erano alquanto interessanti dovevo lasciare posto per provarli. Peanut butter(burro di arachidi) e cioccolata fuse assieme per essere inzuppate dai Marshmallow(toffolette) o da pezzi di banana o fragole o plumcake. Tutto era magicamente buono. Abbinato ad un Tannat, un vino fortificato come il porto proveniente dall'Uruguai, morbido, avvolgente, fruttato e intenso. Tutto era così fantastico e questo ambiente rendeva veramnte tutto straordinario. I gestori hanno altri 4 ristoranti sparsi per Long Island perchè non provarli tutti??


Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites

wine Blogs - BlogCatalog Blog Directory

La marcia del V2-Day Subscribe with Bloglines
Directory of Food/drink Blogs
View blog authority