Monday, November 17, 2008

Umbria II


After one of the best nights sleep we've had in awhile, we woke, opened the window and took in a deep breath of fresh mountain air. A new day with new hopes and expectations. A warm cappucino and homemade cakes were waiting for us when we came downstairs and as usual we ate too much. The owner, Angelo, had told us the night before that his wife, Assunta, had another restaurant in the next town over of Bevagna, so we set off to dine at her small boutique. Her place 'La Bottega di Assu' reminded me of a cafe in Paris or maybe in the Village; walls covered in fotos and stacks of books on wine and food pilled high on the floor. We sat outside, even though it was windy, and with a bottle of Grecante of Caprai, ate a wonderful bruscetta of fresh veggies and a drizzle of Umbrian oil. Paolo then had a soup, and for me, a pasta. The town was quiet, but still beautiful. After lunch we went to meet Andrea, the brazilian woman we booked our B&B for us. An artist who has been married and living in Umbria now for years, she showed us her studio of ceramic sculptures, located in the city of Foligno. Afterward, we walked through the city back towards our car and discovered a party. Every year around the beginning of September, the town recreates 'medival times.' The city is divided into parts, and they battle each other for honor. Dressed in traditional clothes they ride their horses through the city and with a jousting stick pick up rings hung throughout the town. The one with the most rings wins. We decided to join in the fun and entered the hall of the 'jousters' for dinner. Before dinner was over, a contest between some of the groups started up over who could drum better. A bit much, but we went home smiling. Upon arriving back at the B&B, we couldnt help but order another glass of sagrantino and some jambon from Spain. I think I must have gained 5 lbs already. We stayed up late talking to the waitress Paola about ideas for the future and of course our love of wine.

Dopo aver dormito bene da non so quanto tempo, ci siamo svegliati, aperto la finestra e respirato a pieni polmoni l'aria fresca. Un nuovo giorno con nuove aspettative e speranze era di fronte a noi. Un caldo capuccino e un dolce fatto in casa ci aspettavano appena scesi giù, come al solito abbiamo mangiato tanto e tanto! Il proprietario Angelo ci aveva detto la notte prima che la moglie Assunta ha un'altro piccolo ristorante nella città vicina, Bevagna, così ci siamo messi in cammino. Il suo locale " La Bottega di Assù" mi ricorda un caffè di Parigi o forse uno nel Village (N.Y.C); dai muri coperti di foto, pile di libri di cucina e di vino riposti sui tavolini e sul pavimento, molto inusuale. Ci siamo seduti fuori anche se c'era un po' di vento, con una bottiglia di bianco di Caprai, il Grecante abbiamo abbinato una bruschetta di verdure fresche e una spruzzata di olio umbro 'buono buono'. Io ho preso una zuppa e Dana un piatto di pasta. La città era molto silenziosa ed estremamente carina. Dopo pranzo ci siamo incontrati con Andrea, un'artista brasiliana che si è sposata in Umbria e vive tutt'ora li. Il suo studio a Foligno è molto particolare infatti lei riesce a creare dei pezzi d'arte unici che inglobano bottoni, stoffa, corde, fili di ferro e naturalmente la ceramica sfruttata come elemento principe. Bravissima. A Foligno inoltre ogni anno a Settembre la città ritorna ai fasti medioevali della Quintana. La città si divide in quartieri e vestiti con abiti tradizionali gli abitanti mettono in scena questa avvincente gara nella quale il cavaliere che riesce ad ottenere più anelli, sospesi con un gancio alla quintana, vince il palio. Questo è il sito della Quintana di Foligno
La fortuna era dalla nostra parte ed entrando incuriositi dal baccano abbiamo cenato nel quartire Giotti. Tornati a Montefalco nel 'nostro' Spirito di vino non abbiamo potuto fare a meno di bere un Sagrantino e del jambon dalla Spagna. Parlando delle nostre idee e progetti con Paola abbiamo fatto notte. Adoro Montefalco!!!

2 comments:

stopdrug said...

scrivi in inglese ma sei italiano?

Dana and Paolo said...

We are American and Italian. Paolo è Italiano e Dana è Americana. Siamo una coppia mista- e per questo motivo scriviamo in due lingue!

 

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites

wine Blogs - BlogCatalog Blog Directory

La marcia del V2-Day Subscribe with Bloglines
Directory of Food/drink Blogs
TOP 100 FOOD SITES
View blog authority