Wednesday, December 17, 2008

Umbria III

On our last day in Umbria, we had to (of course) visit some of the local wineries. Our first stop was a vineyard we hadn't heard of before called Adanti. Set on a picturesque landscape, we entered the villa antisipating the wine within. One white, five reds and an out of this world desert Sagrantino later, we were in love with this place. Our 'host' was intellegent and informative, explaining to us all about the Sagrantino grape and the differences between the Doc, Docg and the marriages they created with is and other grapes. We were also amazed by the passito and how well sagrantino does as a desert wine (later finding out that the origins of the grape wine started as a sweet wine) After we bought a few of our favorites we thought the since we were in the area we should visit Assisi, home of the Franciscan monk and his church. The city, now a mecca to Christians, was full of tourists and medalions dedicated to the holy man. The church is set high on a hill and is visible from many surrounding towns. It was destroyed during an earthquake in 09/26/1997 and restored to its original state a few years ago. Beautiful and open, but the insane amount of people really keeps you from enjoying the experience fully. Once we'd had enough, we set of to find a Cipolloni or a place where olive oil is made. Umbria is also home to some of the best oil in Italy more olive trees the vineyards can be seen from the small roads. The Cipolloni we went to was recommended to us by our friend Andrea and is considered a great oil for the price. We tasted their regular oil and the reserva, taking home with us a couple of bottles. Back the B&B to rest and pack, sad to see the day coming to an end. We had been invited for dinner by our new friends and were interested in seeing their much talked about home. Set in the middle of fields, the ranch style home was full of ceramics and homey in an artists way. We helped set the table for the 10 expected guests and opened a few bottles of wine made by small local producers. Once everyone arrived we laughed and dined on local food, slightly enhanced by the brazilian ideas of cooking. With dogs running around us, we spoke of future plans and past experiences, all the time thinking to myself, what a simple easy life, could I live like this? Away from the hustle of city life? Maybe.

And on our drive back to Venice, I thought about it more and more. The simple life in a beautiful place full of amazing people, food and wine. Why not after all? Being happy is whats most important isn't it. And now, back in NY, I still think about Umbria and the friends we met and the places we visited. Who knows, maybe we will end there one day. It wouldn't be half bad, thats for sure.

Nell'ultimo giorno in Umbria non poteva mancare una visita ad una cantina. La scelta è caduta sull' Azienda vinicola Adanti situata tra Bevagna e Foligno in un bellissimo panorama di colline arricchite da vigneti ed ulivi. I vini in degustazione presentati erano un biano e precisamente il Grechetto dei Colli Martani e cinque rossi tutti degni di nota ma due in particolare caratterizzati da un ottima qualità prezzo sono il Montefalco Rosso Arquata DOC e il Rosso dell'Umbria IGT. Non potrei dimenticare fra quete righe il meraviglioso Sagrantino di Montefalco e il persinstentissimo Sagrantino di Montefalco Passito tutti prodotti di ottimo livello gustativo targati DOCG. Dopo averne comprate alcune bottiglie ci siamo avviati per una breve vista verso la Basilica di San Francesco d'Assisi per poi virare appena fuori Foligno esattamente a San Giovanni Profiamma per immergere i nostri sensi nel frantoio Cipolloni. Questo frantoio raccomandatoci da una amica artista Andrea è veramente un passaggio obbligato tra i molti offferti da questa grande terra. Tornando al B&B per una rinfrescatina siamo stati invitati poi da Andrea e Nicola per la cena in una cascina tra le colline umbre. Persone incredibili e affascinanti l'Umbria non finirà mai di stupirmi.

Monday, December 15, 2008

Tokay Pinot Gris W.Gisselbrecht 2004

Tokay or Tocai is a wine type made from the Furmint grape which grows in Hungary and produces the famed Tokay Aszu. However, the people who thought they were bring back this traditionally sweet grapeback to Alsace, France 500 years ago, it turned out that is wasnt Tokay at all, but Pinot Grigio (or Gris in French), and the named later changed to a mix of the two- Tokay Pinot Grigio. This white is normally a robust, strong smelling wine made to be had with dinner. And, in fact this bottle by Vitners W. Gisselbrecht has intense and complex aromas, in particular floreal, honey, roasted almonds and spices. It can almost seem fatty or oily in the glass and when drunk, but it does give you a warm feeling almost christmas like. Because of this and its great persistance it can be served with heavy dishes like fois gras of poultry roasts. I would really recommend this delicious wine to go with your holiday dinner or party.
Vote 85/100

Tokay è un vino fatto con l'uva Furmint proveninte dall'Ungheria durante un assedio francese alla fortezza Tokaj da parte del generale Lazare de Schwendi uscendo vincitore si portò con se oltre quattromila barili di vino per l'appunto Tokay; piacendogli tanto si portò via anche le talee in modo da coltivarlo in patria . Purtroppo si sbagliò e portò con se quelle del Pinot Grigio invece di quelle del Furmint. Questa bottiglia infatti riporta sull'etichetta la specifica Tokay Pinot Gris. Il vino si presenta con un giallo paglierino pieno e consistente; la sua complessità si esprime nel floreale variando poi nel miele d'acacia e nelle mandorle tostate. Grasso in bocca, cremoso ma ben equilibrato dalla freschezza e dalla sapidità. Ottimo per le feste di Natale da abbinare magari ad uno fois gras. Bene il rapporto qualità prezzo!!
Voto 85/100

Thursday, December 11, 2008

La Chablisienne, Chablis Premier Cru, 2003 Mont de Milieu

Although I personally am not particular to Chardonnay, I am a fan however of Chablis. A Chardonnay from Bourgogne France, the Chablis is slightly fresher and definately lighter than the typical heavy, buttery and vanilla flavored style. This vineyard, La Chablisienne puts out a few types of Chablis from Petit to Grand Cru. The bottle I am talking about today is Premier Cru from Mont de Milieu (remember each Cru must come from a specific land area to be called a Cru) 2003. A light, clear yellow with golden highlights, perfumes are somewhat typical to a chardonnay- peachy, apricoty, floreal, the light wood or maybe a forest smell shows secondary. The taste was elegant and well balanced. Intense, fresh, slightly mineral and it didnt have the barriqued flavor which I was thanksful for. Overall it was a nice wine, great with a fish dinner.
Vote 85/100
Sebbene personalmente non mi piaccia lo Chardonnay, quello vinificato in Borgogna lo ritengo fantastico: fresco e minerale non coperto dal legno quindi non sproporzionato e vanigliato. Questa Azienda La Chablisienne è nata come cooperativa nel 1923 infatti durante la crisi di quei tempi (guarda caso) i viticoltori si son messi assieme a produrre vino con a capo Abbe' Balitrand. Oggi la cooperativa ha raggiunto il numero di 300. La bottiglia in visione è lo Chablis Premier Cru Mont de Milieu: Colore giallo paglierino con riflessi leggermente dorati ( è una vendemmia del 2003) si apre con eleganza nella pesca, albicocca, fiori gialli, vaniglia e del fieno bagnato. Al palato la sua qualità è confermata appieno con una buona freschezza e mineralità senza imbrodarsi di legno. Buona l'intensità e la sua persistenza.
Ottimo liquido francese; bene se abbinato con un bel piatto di pesce!!

Voto 85/100

Wednesday, December 10, 2008

Paradou restaurant in NY

In times like these, stores and restaurants a like are doing anything possible to get or keep clients. Sales, deals, shows, discounts- you name it. So when we choose a little place called Paradou in the meatpacking district of New York City, we were shocked when we saw how hard it was to actually get the discount they promised.
We had originally decided to go there mainly because we had passed by, thought it different and we liked the slogan- 'We're not fancy, but our food is' or something like that, and they were right. At the end of the meal, I went to the bathroom seeing for the first time their list of 'deals' and 'specialty' nights. 'Dec 8th, free bottle of wine.' With that, it was written to make a reservation or tell you waiter and use this code. What are we in some brothel in the 1920's I thought? Needing a password? But still I thought that getting our half liter of wine free would be great (especially since it was so expensive and really not that good) but when I asked the waiter he said it was by reservation only. Well that wasn't what it said on the list- so I asked the manager and she said oh no you must be on the mailing list. Thats funny, never heard of the mailing list before and it definatly wasn't written on the sheet of discounts and deals. So really did they want to give anyone a free bottle of wine? I doubt it. They claim they want to help out the people until the DOW reaches 12000? Just a ploy to make you think that there are some decent people out there trying to help out the unemployed citizens of NY. One would think that if you want people to come back or share their happy thoughts about a restaurant with others they would have discounted the bottle either way, but they didnt. So here's our nasty thoughts on the place. Bland overpriced food, in a quasi dive looking atmosphere, without hardly any heat and they probably use cheap, crappy wine for their 'quarter' and 'half' bottles since they never showed or poured you the wine from the original bottle (something unheard of in Europe). But most of all, the fact that a place offers you one thing and doesnt give it to you is absoluty distasteful.

Di questi tempi di crisi negozi e ristoranti fanno il possibile per attirare e mantere i clienti con sconti, slogan 2 al prezzo di uno. Uno di questi il ristorante Paradou nel Meatpacking District di New York City ci ha shoccato veramnete.
Abbiamo deciso di cenare li in quanto essendo di passaggio siamo stati catturati dallo slogan' Non siamo fancy ma i nostri piatti lo sono' suonava più o meno così.
Alla fine della cena andando in bagno abbiamo notato per la prima volta la lista delle offerte del mese di dicembre e gennaio. Dicembre, Lunedi 8 gratis una bottiglia di vino. Indicava che bisognava prenotare o dire al cameriere una password!! Pazzesco siamo tornati al tempo del Proibizionismo. Comunque visto che avevamo ordinato mezza bottiglia di vino rosso di qualità scadente ad un prezzo di 28$ averla gratis sarebbe stato almeno un sollievo per le nostre tasche.
Bene il manager ci diceva che per avere lo sconto bisognava essere nella mail list. Strano non era scritto nella promo del loro sito. Davvero vogliono dare un bottiglia di vino gratis a tutti?? Non lo credo proprio!!! Beh il look non era tra i migliori: quattro muri bianchi, senza un adeguato riscaldamnto cibo quasi insipido e senza gusto e il vino ragazzi indicato nel menu come Chateau of ... venduto sia in bottiglia da mezzo litro che da litro, ordinando quella da mezzo ci è arrivata una caraffa di vino sfuso a 28$$$!!! Orrore !!! Ragazzi assolutamente da evitare questo locale.

Sunday, December 7, 2008

Beaujolais Nouveau Domaine Dupeuble Pere et Fils 2008 12,5%

November is the month of Beaujolais and Novello. Two wonderfully unique and fresh wines produced in a manor to be drunk and enjoyed early while all other wines are maturing. This November we've been drinking a lot more beaujolais than novello's (which are different than the french version and which I miss) but we did have one interesting one by Domaine Dupeuble Pere et Fils. The purple color is typical to these extremely young wines as well as its purfumes- fresh red and purple fruits and flowers, especially strawberries and grapes. This bottle in particular was drier and softer than other rescent beaujolais Ive had (George Doeuff), with discrete amounts of tannins and heat. Ready to drink and unageable, the beaujolais is best drunk within the first year its born.
Vote 80/100

Eccoci qua passato novembre anche quì a New York la febbre del Beaujolais si fa sentire e numerosi eventi in questa cosmopolita città prendono forma. Soffro a non avere vicini i miei vini Novelli veneti invece di raccontare fluidi dei nostri cugini d'oltralpe, ma forse più avanti qualche fragola novellina italiana sarà raccontata in queste pagine virtuali. Subito il colore porpora e il profumo vinoso esprime il suo carattere fresco e forse oserei 'semplice' nella bevuta, consentitemi di dirlo. Fragoline, prugna, terriccio bagnato al naso; al palato secco abbastaza caldo, abbastanza morbido, con discreta tannicità esprime una buona frescezza e sapidità. Matura la beva. Ecco il Novello, excuse mua, il Beaujolais 2008 dell'Azienza Dupeuble Pere et Fils 2008.

Voto 80/100

Friday, December 5, 2008

Radikon Oslavje 2003 14%

At our apartment for dinner with a great group of friends, we opened and drank a cellarsworth of wine one bottle in particular was Radikon. A name well known amoungst wino's, Ive been waiting to try this particular juice. Like my husband said, it was like a child on christmas getting the toy he asked for. The vineyard, Stanko Radikon is located in the Friuli region of Italy in the province of Gorizia, which is near the Slovanian border. The 10 hectors of land they own produce a large quantity of grapes such as; Ribolla gialla, Chardonnay, Pinot grigio, Sauvignon, Tocai friulano e Merlot. Whats so special about this wine? Well there are a few things, the first being the absence of added yeast. Therefor maceration and fermentation happen naturally with the yeast found only the skins and stems of the grape. Because they are left in the fermentation tank they wine is darker in color (a white wine) then most. The wine is never filtered and sulfites are never added, leaving these yeasts in the liquid and the final product is thicker looking and has pieces of sediment. So why is this a good thing? well first, is all natural- but because there are no sulfites you won't get that 'wine headache' typical especially of whites. But more importantly, all this creates very individual and unique tastes and smells. The Chardonnay, Sauvignon Blanc and Pinot Grigio used for this particular bottle produces an intense amber yellow wine, with smells of apricot, pinapple,candied fruits and stone. Soft, warm, fresh and mineral with even a touch of tannin (due to the time spent in barique). It wass well balanced and persistant, and unlike anything Ive had before. I must admit though that I was not as impressed as my friends, maybe because the slight hint of oxidation is not something I particularly enjoy. However, I must applaud them for their effort in production and the uniqueness of the wine. I recommened Radikon to everyone to try, but it does have a high price...
Vote 92/100

Con degli amici abbiamo aperto una bottiglia di Radikon. Avendone sentito parlare appena vista alla mia tavola mi sono sentito come un bambino difronte al regalo di Natale. Comincerei col dire che l'Azienda di Stanko Radikon è situata in Friuli Venezia Giulia esattamnete a Oslavia nel comune di Gorizia; possiedono circa 10 ettari di terreno con pendenze molto accentuate quindi difficili da coltivare, producono uve come la Ribolla gialla, Chardonnay, Pinot grigio, Sauvignon, Tocai friulano e Merlot. L'assoluta assenza di lieviti aggiunti al mosto quindi solo lieviti indigeni presenti nelle bucce, la totale macerazione delle uve con le sue bucce nel caso per i bianchi in tini di legno senza il controllo della temperatura assieme a lunghi affinamenti in grandi botti di rovere sono i punti di forza di Radikon. Passiamo alla bottiglia molto stretta dal contenuto di 0,5 l. Stappata emana subito profumi intensi. Versato nel bicchiere il vino si presenta color giallo ambrato con riflessi dorati, velato e consistente. Al naso sprigiona un arcobaleno di sensazioni meravigliose come l'albicocca, l'ananas, i canditi, minerale di pietra bianca con una grande intensità e complessità. In bocca è secco morbido abbastanza caldo, fresco e sapido con una vena di tannicità data dalla lunga macerazione delle bucce. Intenso equilibrato e persistente. Armonico. L'Oslavje è un uvaggio di Chardonnay per il 40%, Pinot grigio 30%, Sauvignon 30%. Una delizia per il palato, un gioiello da meditazione!!
Voto 94/100

Thursday, November 20, 2008

Donnhoff Riesling Auslese 7.5% vol.

On a trip to an upper east side wine shop for a tasting, we came across a bottle of Riesling, from the Nahe region in southwest Germany. We found it in the desert area mixed with others after dinner wines and thought it looked interesting. Riesling, is the principle grape in this country, where winters are long and cold and sun exposure is short. In Nahe, these grapes are grown alongside the river Reno, giving the vines the nutrients they need to survive. The terrain is diverse and rich of quartz which it receives from its branching streams; the Idarbch, Kyrbach, Hahnenbach and Simmerbach.
The classification of German wines can be quite confusing too, since they are rated by the quantity of sugar in the grape. This particular Riesling is an Auslese, which means that the grapes were harvested late in the season, and there is an elevated amount of sugar (but not much compared to Icewein!) The amount of alcohol is 7%, which is low due to the low amount of sun. Getting to the 'gustazione' of the wine itself, the Riesling della Azienda Donnhoff is a clear, vivascious straw color, with perfumes of golden apples, pinapple, grapefruit and a note of fresh flowers, musk and sage. The taste was obviously sweet, but not overpoweringly so. Medium softness, low heat, and higher amounts of acidity and minerality. Intense and persistent, it would be great with German treats like a Danish or struddle or a classic American dish like apple pie.
Vote 85/100

Spaziando tra gli scaffali di un wine shop sulla Upper East Side di Manhattam mia moglie ed io siamo stati attratti dalla bottiglia di un Riesling tedesco della regione Nahe a sud ovest in Germania. Essendo abbastanza assolata, trova nel suo fiume principale Nahe affluente sinistro del fiume Reno la sua mitezza e nutrimento principe. I terreni son abbastanza diversi dall'ardesia alla quarzite per passare poi alla sabbia e ai detriti del fiume e dei suoi numerosi affluenti: Idarbch, Kyrbach, Hahnenbach, Simmerbach etc. Passando al vino l'Auslese nell'etichetta, nella classificazione tedesca, indica che i grappoli sono stati raccolti tardivamente, quindi uve con elevato grado zuccherino e un grado alcolico minimo di 7%. Il Riesling della Azienda Donnhoff era di un giallo paglierino vivace e carico, sebbene fosse una vendemmia 2004; i profumi ricordavano la mela golden, l'ananas, il pompelmo, una nota floreale, dell'erba fresca e del muschio bianco. In bocca era dolce ma non stucchevole, abbastanza morbido, poco caldo, ottima la sua frescezza un po' meno la sua sapidità. Sicuramnete l'ingresso in bocca era intenso e la sua persistenza era notevole. Da abbinare ad una crostata di mele.
Voto 85/100

Monday, November 17, 2008

Umbria II

After one of the best nights sleep we've had in awhile, we woke, opened the window and took in a deep breath of fresh mountain air. A new day with new hopes and expectations. A warm cappucino and homemade cakes were waiting for us when we came downstairs and as usual we ate too much. The owner, Angelo, had told us the night before that his wife, Assunta, had another restaurant in the next town over of Bevagna, so we set off to dine at her small boutique. Her place 'La Bottega di Assu' reminded me of a cafe in Paris or maybe in the Village; walls covered in fotos and stacks of books on wine and food pilled high on the floor. We sat outside, even though it was windy, and with a bottle of Grecante of Caprai, ate a wonderful bruscetta of fresh veggies and a drizzle of Umbrian oil. Paolo then had a soup, and for me, a pasta. The town was quiet, but still beautiful. After lunch we went to meet Andrea, the brazilian woman we booked our B&B for us. An artist who has been married and living in Umbria now for years, she showed us her studio of ceramic sculptures, located in the city of Foligno. Afterward, we walked through the city back towards our car and discovered a party. Every year around the beginning of September, the town recreates 'medival times.' The city is divided into parts, and they battle each other for honor. Dressed in traditional clothes they ride their horses through the city and with a jousting stick pick up rings hung throughout the town. The one with the most rings wins. We decided to join in the fun and entered the hall of the 'jousters' for dinner. Before dinner was over, a contest between some of the groups started up over who could drum better. A bit much, but we went home smiling. Upon arriving back at the B&B, we couldnt help but order another glass of sagrantino and some jambon from Spain. I think I must have gained 5 lbs already. We stayed up late talking to the waitress Paola about ideas for the future and of course our love of wine.

Dopo aver dormito bene da non so quanto tempo, ci siamo svegliati, aperto la finestra e respirato a pieni polmoni l'aria fresca. Un nuovo giorno con nuove aspettative e speranze era di fronte a noi. Un caldo capuccino e un dolce fatto in casa ci aspettavano appena scesi giù, come al solito abbiamo mangiato tanto e tanto! Il proprietario Angelo ci aveva detto la notte prima che la moglie Assunta ha un'altro piccolo ristorante nella città vicina, Bevagna, così ci siamo messi in cammino. Il suo locale " La Bottega di Assù" mi ricorda un caffè di Parigi o forse uno nel Village (N.Y.C); dai muri coperti di foto, pile di libri di cucina e di vino riposti sui tavolini e sul pavimento, molto inusuale. Ci siamo seduti fuori anche se c'era un po' di vento, con una bottiglia di bianco di Caprai, il Grecante abbiamo abbinato una bruschetta di verdure fresche e una spruzzata di olio umbro 'buono buono'. Io ho preso una zuppa e Dana un piatto di pasta. La città era molto silenziosa ed estremamente carina. Dopo pranzo ci siamo incontrati con Andrea, un'artista brasiliana che si è sposata in Umbria e vive tutt'ora li. Il suo studio a Foligno è molto particolare infatti lei riesce a creare dei pezzi d'arte unici che inglobano bottoni, stoffa, corde, fili di ferro e naturalmente la ceramica sfruttata come elemento principe. Bravissima. A Foligno inoltre ogni anno a Settembre la città ritorna ai fasti medioevali della Quintana. La città si divide in quartieri e vestiti con abiti tradizionali gli abitanti mettono in scena questa avvincente gara nella quale il cavaliere che riesce ad ottenere più anelli, sospesi con un gancio alla quintana, vince il palio. Questo è il sito della Quintana di Foligno
La fortuna era dalla nostra parte ed entrando incuriositi dal baccano abbiamo cenato nel quartire Giotti. Tornati a Montefalco nel 'nostro' Spirito di vino non abbiamo potuto fare a meno di bere un Sagrantino e del jambon dalla Spagna. Parlando delle nostre idee e progetti con Paola abbiamo fatto notte. Adoro Montefalco!!!

Thursday, November 6, 2008

Umbria Part I

To go back a bit in time, Ive been meaning to tell you all about our trip tp Umbria. Since our time in Puglia wasnt going as planned, we decided to make a change and go north to Umbria. On a recomondation from a friend, and our love of Sagrantino, we headed to a medival town call Montefalco, to stay for three nights in a bed and breakfast. After a 13 hour drive (yes you read correctly) we arrived in the city around 10 pm exhausted from everything. Our horrible mood changed as soon as we were greeted at our car by a woman who worked at the wine bar/restaurant at the B&B. A beautiful wall-in city made of stone with small alleyways reminding you of what times were like before cars. The place called Spirito di vino was amazing. We were brought up to our room (one of three) and melted into the bed. It was amazing. Clean, well put together and restored, we began to forget about our prior days. After a shower we headed downstairs for something to eat. Their menu was great. Typical Umbrian cusine with a choice of the best salami, proscuittos and cheese from all over Europe. 20 types of oils and a long wine line (including of course almost all of the Sagrantinos!) We opted for a cheese and proscuitto plate (duh) a tomato soup and a steak; to be washed down of course with a full bodied Sagrantino di Montefalco Azienda Tabarrini. Everything was delicious. After dinner we headed upstairs to bed, thanking our friends for helping us find this little jewel.

Tornando indietro un po' nel tempo, vorrei raccontarvi del nostro viaggio in Umbria. Dal momento che il viaggio in Puglia non è andato come doveva abbiamo deciso di fare una virata di 180° e di andare in Umbria. Sotto raccomandazione di una nostra amica e dal nostro amore Sagrantino, abbiamo raggiunto la città di Montefalco per passare tre notti in un bed&breakfast. Dopo 13 ore di guida siamo arrivati verso le 22 completamente sfiniti. Il nostro umore da nero che era è completamente cambiato appena una ragazza, Paola, che lavora allo Spirito Di vino ci è venuta incontro. Montefalco una bellissima città fatta di enormi mattoni e di strette stradine le quali ci facevano pensare come si viveva prima dell'avvento delle auto. Ritornando alla 'locanda' se così si vuol chiamarla era meravigliosa. Siamo saliti su in camera, una delle tre del B&B e ci siamo buttati letteralmente sul letto. Letto immacolato fantastico. Dopo una doccia rilassante siamo volati al piano terreno per immergierci questa volta nei sapori dell'Umbria.
Abbiamo optato per un piatto di prosciutto e formaggio, una pappa col pomodoro (indimenticabile) e due filetti di manzo. Chiaramente il tutto abbinato ad un vino meraviglioso (uno dei miei presferiti) il Sig. Sagrantino di Montefalco dell'Azienda Tabarrini dai profumi di mora e spezie come la vaniglia date dalla botte mentre in bocca si sviluppa morbido e setoso anche se il tannino è presente . Il frutto è pieno con un finale persistentissimo.
Umbria al Top!

Friday, October 31, 2008

Plantaze Vranac 2004 Lake Skadar Valley 12,5

On our quest to find great wine for a great price, we stumbled upon a random bottle at our local wine shop called Vranac dell'azienza Plantaze. Haling from Montenegro, (a small country next to Croatia, for those of you who dont know) this winery produces a few wine types, but the one we had was a Vranac, an indiginous red.
While repeating this stange new name over and over in my head, I studied the color: a ruby red with granite highlights; the smell: very likeable fruits (prugnes and strawberries), floreals (violets and violas) and earth (tabacco and cocao); and taste: dry, soft and warm with a good persistance and intesity, more mineral than acidic, and a good amount of tannins, however leaving just a touch of bitterness at the end. A complete surprise on how good it was, and for only $7, its one of the many wines that proves our theory; good, cheap wine does exist.
Vote 85/100

Un'ottima sorpresa dal Montenegro il Vranac dell'azienza Plantaze, questa piccola nazione dell'ex repubblica jugoslava martoriata nella sua storia da numerose guerre ha avuto la capacità di credere in se stessa e di produrre questo vino da una uva autoctono quasi sconosciuta il Vranac per l'appunto. Parto subito col dire che il costo della bottiglia è di circa 7$, forse il più economico fra i vini che si possano intendere bevibili.
Mi stava aspettando li sullo scaffale nel bel mezzo della zona dei Balcani mi è piaciuto subito ancor prima di asaggiarlo. Questo nome Vranac suonava molto nuovo alle mie orecchie. Dal colore rubino con leggeri riflessi granati, abbastanza trasparente; al naso mi piace perchè non è di facile lettura, viola senz'altro prugna un buon etereo del tabacco e cacao. In bocca è secco morbido e caldo, più sapido che fresco i tannini son morbidi ma lasciano una punta di amaro.
Per 7$ a new York difficilmente si trova un bicchiere al bar.

Voto 85/100 sulla simpatia.

Thursday, October 23, 2008

Salina Rosso Hauner

Sometimes, we run into an easily drinkable and warm, reasonably cheap wine. A rare thing in NY where a bottle under $15 is usually comparable to something made by your grandfather in his basement. In any case the wine in which Im speaking of tonight is much better than your average 'Joe' wine. Salina Rosso from Hauner Vineyards is a delightful wine for only 10 bucks. A transparent but intense ruby red, Hauner is a non typical Sicilian wine with typical sicilian grapes. This Nero D'Avola and Nerello Mascalese mix, left intense traces of mature red fruits maybe some mixed with alcohol; and spices like vanilla and black pepper with a hint of salt. On the palate it was warm and soft, not to tannic or sapid with a good intensity and equilibrium. We drank ours with a pork skewers- typical Astorian cusine.
Vote 80/100

Vorrei dire come delle volte è facile trovare un vino italiano discreto bevibile anche qui a New York per una decina di dollari. Sto parlando del Salina Rosso dell'Azienda Agricola Hauner di cui avevamo già parlato in uno dei nostri post qui, un vino dal colore rosso rubino abbastanza intenso, infatti le uve che lo compongno sono Nero D'Avola e Nerello Mascalese; consistente nel bicchiere. Al naso è intenso e abbastanza complesso ricorda i frutti rossi maturi anche sotto spirito ha delle note speziate come la vaniglia, pepe nero, profumo di salato. Al palato è caldo e morbido non troppo tannico e sapido, ha una buona intensità ed equilibrio.
Da abbinare a degli 'skewer'(spiedini) di carne di manzo o di maiale.
Voto 80/100

Saturday, October 18, 2008

Torres Gran Sangre de Toro Riserva 2001

On a beautiful night outin NY, we met my cousin for a drink at a little restaurant on 19th. Boqueria is always full, claimed my cousin, we're lucky to have a table. And she was right- a bit after we arrived at 6:30 the wait had become an hour long. After a nice glass of Cava, I was missing my sparkling wines, we thought that maybe a bottle would be better since we were in three. Gran Sangre de Toro 2004 Riserve, by the Torres in Catalunya group was perfect with a few tapas we had chosen. 60% Garnacha Tinta, 25% Carinena and 15% syrah. After a year in barrique, the color was a ruby red verging on granite and the smell was powerful and full of spices like cloves, pepper, vanilla and cigars, fruits like blackberry and tomato leaves and florals like lavender. First sip was intense and smooth and reminded me of a good cigar. Full-bodied and persistant, with good amounts of tannins, alcohol and sugar (like most Spainish wine). Great by itself or with Tapas, we had chosen a Spainish salami plate, fried mini peppers and tomato bread, I would check out the restaurant and the bottle. Just a little warning- like most NY restaurants the prices can be a bit overwelming, so if you are on a budget, make sure you save up.
Vote 84/100

In un bellissimo locale sulla 19 strada a New York city chiamato Boqueria abbiamo assaggiato un vino spagnolo dell'Azienda Vinicola Torres in Catalunya il Gran Sangre de Toro Riserva 2001. La politica dell'azienda è stata fin dall'inizio quella di colonizzare tutta l'area latino americana infatti uno dei primi paesi d'esportazione era Cuba grazie ad uno dei suoi fondatori Jaime Torres Vendrel che in uno dei suoi viaggi decise per l'appunto di portare i suoi magici fluidi in questa isola felice. L'azienda ora esporta in più di 120 paesi nel mondo e le sue uve crescono non solo in Catalunya ma anche in Chile sulle Valle del Curicò e Valle Central, in California nei distretti di Russian River Valley e Sonoma Coast e nella sua terra d'origine la Spagna nelle zone di Priorat, Ribera del Duero, Penedes e Conca de Barberà. I tre vitigni che compongono il Gran Sangra de Toro: la Garnacha tinta per il 60%, Carinena 25% e l'esplosico Syrah per il 15% sono riconoscibili benissimo. Dal colore intenso e profondo di rubino che vira lentamente verso il granato si percepiscono i profumi della vaniglia delle spezie come i chiodi di garofano, la lavanda, la foglia di pomodoro e un denso aroma di frutta matura. In bocca è vellutato e intenso con una buona persistenza. Nel finale lascia una scia di affumicato di tabacco da sigari e un ritorno di chiodi di garofano. E' stato abbinato come da tradizione del locale con salumi di piccolo taglio del tipo di cacciatorini e formaggi di media stagionatura e crostini di lardo accompagnati da cavoletti bi bruxelles. A parte il prezzo impegnativo appena sotto i 40$, un buon prodotto.
Voto 84/100.

Saturday, October 4, 2008

Chateau Haut Milon 2005, Pauillac

Pauillac is a province within the area of Haut-Medoc in Bordeaux, France. An area prized for its marvelous mix of Cabernet Sauvignon and Merlot. In fact Pauillac is home to some of the most famous vineyards in Bordeaux, three of which are 1er cru classe: Latour, Lafite-Rotschild and Mouton-Rotschild. Pauillac has the highest concentration of Cabernet Sauvignon in its wines and has therefor a more concentrated structure. With this in mind, and only $30 in pocket, we picked up this bottle by Chateau Haut Milon, not a grand cru, but still posseses similar qualities to other Pauillacs.
A 2005, it has a ruby red color bordering rust, consistent and transparent. The most wonderful part of this wine is its smell. Intense notes of leather, wood, truffles, prunes, viola flowers, and hints of black pepper, cloves and other matured dark red fruits. After letting this powerful wine breath a bit, we realized how well balanced the structure was. Mineral, acidic, soft, warm, tannic and dry; persitant but not as much so as its intensity, its a wine that most people would enjoy. Cheese, salamis, tomato sauces and meats, its light enough, being that it is only a 2005, but structured enough to be paired with most foods.
Vote 88/100

Pauillac è una provincia nel distretto del Medoc nel Bordeaux in Francia. Un'area famosa per il suo blend fra Cabernet Sauvignon e Merlot. Infatti Pauillac ha dato i natali ad alcune fra le più famose Aziende vinicole ormai delle multinazionali del vino tre delle quali son dei 1er Grand Cru Classè: Latour, Lafite-Rotschild e Mouton-Rotschild. Pauillac ha la più alta concentrazione di Cabernet Sauvignon e nei suoi vini si sente per l'appunto la sua struttura concentrata di polifenoli e tannini. Con 30$ qui a New York puoi comperare non un Gran Cru ma un vino di buona qualità della zona del Pauillac e precisamente il Chateau Haut Milon. La vendemmia è del 2005. Il colore è rosso rubino con dei riflessi granati sull'unghia consistente e trasparente. Intenso e sicuramnete complesso questo vino dal cuoio, legno, sottobosco, della prugna, viola, speziato di pepe nero, chiodi di garofano e frutta rossa matura. Dopo averlo opportunamente fatto respirare un po', si riesce a capire quanto equilibrato sia questo fluido. Minerale, ancora abbastanza fresco, morbido e caldo con i tannini vellutati. Presenta una buona intensità con una persistenza un po' meno lunga di quello che mi aspettavo. Armonico sicuramnte il risultato finale. Da abbinare a formaggi con media e lunga stagionatura, con carni importanti.
Voto 88/100

Friday, October 3, 2008

Chateau Diana Pinot Grigio 6%

Not all wines are created equally, and this is a great example of a bad wine. Chateau Diana California's Pinot Grigio, is a strong yellow colored wine with intensly floral and fruity perfumes with reminiscence of exotic fruits like melon and pinapple, vanilla, camomille and honey. The first taste was so horrible that I spit it right out. Intensly aomatic, almost sweet (maybe due to the fact that there was only 6% alcohol) with the absence of freshness and minerality. Slightly overdated, I think the taste was closer to that of apple cider than wine, in fact, you're probably better off drinking cider than this disaster.

Il vino assaggiato oggi è un
Pinot Grigio della Chateau Diana California. Il vino si presenta con un giallo paglierino cristallino e pulito da imperfezioni. Intenso e floreale di melone pera accenni di vaniglia, note di camomilla e miele. In bocca poco alcolico assenza totale di acidità dolciastro e salato. Un gusto marsalato e in bocca rimane e persiste solo questo. Prezzo al supermercato 6$. Meglio una Coca Cola.

Sunday, September 28, 2008

Sauvignon Blanc Oyster Bay 2006

Here in New York, you can find all types of bottles from all over the world. At our local wine shop in Astoria we picked up two: a Cannonao and a Sauvignon Blanc from Marlborough New Zealand. New Zealand is best known for its crisp SB's thanks to the cool year round weather. And, to add a bit of unknown information, Australia and NZ have put a new 'law' into affect asking wine producers to use plastic or glass corks instead of real cork due to high costs and possible extinction. The wine itself was a straw yellow and the perfume was your classic SB; grassy, vegetal, oregano, sage, white flowers, mainly from the wild and a touch of salt. On the palatte it was dry with medium softness and warm. The freshness and minerality fell after it was open a bit, while the intensity and persistance remained but with a bit of bitterness. For $10 the quality was worth the price and would be great with sushi or like food items.
Vote 72/100

Qui a New York è facile trovare bottiglie da tutto il mondo.
Una sera vicino a casa abbiamo comperato una bottiglia di Sauvignon Blanc Oysterbay della zona di Marlborough nella Nuova Zelanda. Io sono un patito per i Suvignon Blanc in tutte le sue varianti. Beh tanto per cominciare il tappo era a vite molto comune per i vini australiani e neozelandesi ;Il colore è un giallo paglierino acceso;la fragranza è quella classica del sauvignon: l'erbaceo di erba appena tagliata forse un po' macerata al sole, delle rimembranze di origano, fiori freschi bianchi e una nota minerale di sale . Al palato è secco abbastanza morbido, caldo . E' fresco e sapido ma cala vistosamente di intensità e persistenza chiudendo con un finale amarognolo che ricorda più un Tocai Friulano. Un vino che costa sui 10$. Da abbinare a qualche pietanza di Sushi non molto profumata.
Voto 72/100

Tuesday, September 23, 2008

Pedro Ximenez Osborne 17%

Americans in general are not as big on desert wines as say Italy, and tend to drink more alcoholic drinks like Cognac or Rum after dinner. But for those of us who don't have the stomach for such strong drinks there are many other choices.
A Sherry called Pedro Ximenez was our drink of choice one night out in Manhattan at a little tapas bar called Tierra on Seventh Ave. Pedro Ximenez, the sweetest of all sherrys, is made usually from about 90% of the same named grape and is mostly unknown to non-winos. With 17% alcohol the taste and color is somewhat similar to that of a Port wine, but a bit sweeter and without the tannins. The particular brand we had was by Osborne, a well known company who makes all types of sherrys. This PX was a mix of three grapes, Palomino (the main grape in all other sherrys), Muscadel and of course Pedro Ximenez. A deep ruby red with a high consistancy, it was intense and persistant with hints of red berries. Mature prunes, cinnamon, cloves, liquorish and vanilla. Sweet on the tongue but not overly so, soft and definatly alcoholic. It did however lack on the freshness and sapidity. The small glass cost $10, while the bottle in a store near us cost $13. In NY that isnt that bad. Do I dare say I miss Italy?
Vote 79/100

In un locale chiamato Tierra in Seventh Avenue South a Manhattam NYC ho provato un delizioso vino da dessert lo Sherry Pedro Ximenez Osborne. Lo Sherry è un vino particolare infatti arriva facilmente sui 17° di alcool, prende il nome dalla città Jerez de la Frontera nella Spagna meridionale. E' formato pricipalmente da tre uve Palomino,Pedro Ximenez e Muscadel. Però quello che ho assaggiato era il Pedro Ximenex in purezza. Il suo colore rubino profondo, dalla consistenza molto importante tanto quanto la sua intensità e oserei dire anche la sua complessità. I profumi ricordano la prugna matura, la cannella, i chiodi di garofano, la liquirizia dolce, la vaniglia; in bocca è dolce ma non stucchevole morbidissimo alcolico sicuramente. Manca però di sapidità e di freschezza.
La persistenza è lunga. Al bicchiere costa 10$.Una bottiglia al supermercato attorno ai 13$.
Voto 79.

Monday, September 22, 2008

Ristoranti in Puglia

About a week before we left for New York, Paolo and I decided to take a little trip to the south and central parts of Italy. After seven hours of driving we arrived to the 'spur' of the boot of Italy called Gargano in the region of Puglia. We stayed in a town called Peschici, a city built on the top of a hill overlooking the Adriatic. The water was crystal clear and the rustic landscape was an image that took us back in time. An area which has grown as a tourist vacation spot only within the last 30 years, Peschici is still learning how to cope with the flow of people and the modern world. However, we did find two wonderful restaurants. The first, Fra Stephano offers typical fish dishes from the area in a homestyle fashion. We ate a delightful eggplant parm appetizer and an even more delicious 'alici in olio' or mini sardines cooked in a typical clay pot in boiling oil and pepperoncini. For our main dish, a grilled red snapper... yum! For drinks, a carafe of homemade white pugliese wine (verdecca) with a glass of desert moscato (also homemade) offered to us after dinner. All of this for under 50 euro... a definate steal.
Second night, new place to eat, a place written up as one of best new restaurants of the south. Porta di basso is a bit more expensive that what we had expected but quite good. Chef Domenico Cilenti uses a base of fish for his dishes and creates clever twists on traditional plates. The meal we had consisted of a tasting of antipasta including a pecorini ricotta omlette, a stuffed mussel, carpaccio of scorfano, sardine in eggplant and others. A braised scorfano in tomato broth for the main course and sorbet to close the deal. The best part of the place, was the view from the terrace, at which you are sitting on a ledge of rock looking straight down! I would definatly recommend arriving in time for sunset and staying long enough to watch the fishing boats floating out at see.

Circa una settiamana fa prima di partire per New York abbiamo deciso di fare un viaggio nel Centro-Sud d'Italia. Dopo 7 ore di auto siamo arrivati allo sperone dello stivale nel Gargano in Puglia. Ci siamo fermati nella città di Peschici. Una città costruita sopra una collina con una vista meravigliosa sull'Adriatico. Acqua cristallina, panorama molto naturalistico che ci ha riportato indietro nel tempo. In questa zona il turismo ha iniziato ad affluire non più di 30 anni fa ma la gente sta ancora faticando non poco ad aggionare il loro business per il turismo moderno. Abbiamo passato due serate in due ristoranti diversi:
-Il primo Fra' Stefano offre tipici piatti di pesce cucinati come la classica cucina pugliese insegna.
Ecco alcuni esempi: una deliziosa melanzane alla parmigiana come antipasto e delle fantastiche alici di mare cucinate su un recipiente in terracotta con olio e peperoncini. Il vino scelto era una verdeca servita in una caraffa per accompagnare le pietanze e come dessert un moscato servito molto freddo.
-La seconda sera l'abbiamo trascorsa in un ristorante suggerito da tutti come uno dei migliori del Sud Italia. Porta di Basso un po'più caro circa tre volte il prezzo del primo ma sicuramnte buono.
Lo Chef Domenico Cilenti usa prodotti assolutamente di qualità e i suoi piatti sposano la tradizione con l'esigenza minimalista moderna. Il risultato è sicuramnte buono. Ecco alcuni esempi: Carpaccio di Scorfano, cozze ripiene, alici su una base di melanzane, un'omlette di pecorini e altre delicatezze. Come secondo lo Scorfano l'ha fatta da padrone servito alla livornese con pomodori e capperi. Lo sorbetto di frutti di bosco ha concluso con successo il tutto. Una raccomandazione arrivare prima del tramonto perchè il ristorantte ha una terrazza con vista mozzafiato sulla baia . Merita una sbirciatina!

Sunday, September 14, 2008

Marco Sara

Would like to appologize for the lack of posts lately but we were busy moving to New York! Im sure as most of you know, moving is not easy, and since we are renting out apartment in Venice, we had to prepare all that too! Ok, so enough of our stories and onto the wine!
Through our friend at Mondosapore, we were introduced to
Azienda Vinicola di Marco Sara. A young and promenent producer from the hills of Friuli, they are in fact the winners of the 'Menzione Eccellenza 2008' or in english the Mentino of excellence; for the Tigullio wine meeting in the Palazzo Ducale in Genova. This group uses only grapes indigenous to Fruili and makes only desert wines. The three we had the opportunity to try were:
Muffis dal Sis- 90% Tocai Friulano and 10% Moscato grapes with noblie rot
Verdis dal Sis- 100% Verduzzo grapes (also used to make Ramandolo DOCG)
Piculit dal Sis- 100% from Picolit grapes
All three were excellent. Typical perfumes of dried or candied apricot and fig and spices like cinnamon or cloves. The picolit, probably the more famous of the three, was the last we had and maybe the cleanest. Slightly mineral, sweet but not overbaringly so, fresh and easy to drink. The Verdis was a little more bitter and heavier than the rest, which is typical of the grape. Probably best with aged cheeses like parmagian because of its apricot marmalade/honey-like qualities. The Muffis, the first we had, was also quite fresh and intense, but a bit short in its persistance. Different yet similar to the more famous moldy wine sauternes, I think I would recommend this Muffis to anyone who loves an delightful an delicious desert wine without pretences.
Vote for all three-94/100

Vorremmo scusarci per il ritardo nell'aggiornare il sito però in questi giorni abbiamo traslocato a New York City da Venezia. Quindi abbiate un po' di pazienza e i vostri assaggiatori di buone cose ritorneranno più incisivi che mai in queste pagine.
Forse la migliore sorpresa dell'anno Marco Sara!!!
Ho avuto il piacere di assaggiare i vini dell'Azienda Vinicola di Marco Sara. Un giovane e promettente produttore di vino friulano, vincitore del premio "Menzione Eccellenza 2008" nella IV Edizione del Tigullio vino meeting al Palazzo Ducale di Genova, la cui preferenza va sui vitigni autoctoni come il Tocai Friulano, il Verduzzo Friulano e il Piccolit.
Le bottiglie sono dei piacevoli gioielli della viticultura del Bel Paese:
Il Muffis dal Sis da uve muffate di Tocai Friulano per il 90% e Moscato per il 10%
Il Verdis dal Sis da uve Verduzzo in purezza
Il Piculit dal Sis da uve Piccolit in purezza
E' un'esaltazione del gusto,il naso e il palato veramente si inebriano di essenze come l'albicocca e la cannella passando per un tocco di anice. La sapidità e la dolcezza meravigliosamente equilibrate precedono un'intesità e una persistenza difficile da eguagliare.
Vini che vanno tutti bevuti in tranqullità o in buona compagnia.
Sicuramente da ricordare il buon Marco Sara.

Voto complessivo 94/100

Sunday, August 24, 2008

Villa di Capezzana, DOCG Carmignano 2000

On a night finally at home, we decided to relax with an incredable bottle of Carmignano wine by Tenuta di Capezzana, Villa di Capezzana Carmignano D.O.C.G, 2000. Before anything else I must explain the deliciousness of this wine... more than anything else it left hints of cinnamon both in smell and taste, and the bottle was finished quite fast. 80% Sangiovese and 20% Cab. Sauvignon, this wine is your typical Tuscan feast. So why is this one so good? In case you havent figured it out yet, the land has everything to do with it, and the land here is situated around Chianti and Montalcino. An intense ruby red color, with elgegant, distinguishable smells of fruits like black cherry, blueberry and blackberry and slightly spicy (like I said before of cinnamon and maybe cloves). First sip was slightly alcoholic but when it opened flavors of spices, balsamic, dark red fruits mixed well with the slightly mineral and tannicness of the wine. It was well structured, soft, dense and persistant. And at half the price of a Brunello it was even better!
Vote 89/100

Spesso quando si parla della Toscana ci si sofferma sui vini del Chianti, di Montalcino, di Montepulciano o della SuperTuscan area Bolgheri e si tralascia l'opera di aziende vitivinicole di aree importantissime come per esempio la DOCG Carmignano.
La DOCG Carmignano è molto piccola come estensione ed è compresa all'interno delle città di Prato, Empoli e Firenze; da disciplinare la zona dev'essere nelle parti collinari di Carmignano e Poggio Caiano in provincia di Prato. I vitigni più importanti sono il Sangiovese, il Cabernet Sauvignon e il Canaiolo. Una chicca fin dal 1700 esisteva un'uva chiamata francesca o francesa ed era in effetti il Cabernet. Il vino assaggiato era il Carmignano di Villa Capezzana prodotto da uve 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Da colore rosso rubino con un elegante e distiguibile profumo di ciliegia matura, di mirtilli e more, leggermente speziato di cannella e forse chiodi di garofano. Al primo assaggio sembra molto alcolico ma subito dopo quando si apre il balsamico, le spezie, i frutti piccoli rossi esplodono con note minerali e tanniche per una chiusura di ottima persistenza gustolfattiva.
Un grande vino a metà prezzo di un comune Brunello.
Da non lasciarsi sfuggire.

Voto 89/100

Marques de Arienzo Rioja Crianza 2004 (13%)

On a recent trip to Barcelona, I was fortunate enough to try some wines hardly found outside of Spain. For example a Cava, Spain's version of Champagne, Sherry, and a few diffferent reds from Rioja and Duero. One Rioja I picked up in the airport on my flight back to Venice (since you cant bring liquids into the airport you're left with no choice but to buy while waiting for flights!) Marques de Arienzo, Rioja DOC is your typical in your face tempranillo. This Crianza 2004, was ruby red in color and after left to breath for a good period (in fact it tasted better the second day after I opened it) filled our noses with complex and intese cherry, leather, chocolate, cinnamon and tabacco flavors- the initial taste was bit alcoholy which is why its better left open for a bit. Warm, dry and extremly soft; salty, slightly tannic and fresh, the overall taste was pretty well balanced, but maybe a little short on persistance. Great with white or red meats or keep it true to tapas or your favorite Jambon (raw ham) and Manchango cheese, Yum!
Vote 84/100

Bene finalmente parliamo di un vino spagniolo il Marques de Arienzo, Rioja Crianza 2004.
Allora il vino proviene da una delle regioni più importanti in Spagna e precisamente la Rioja che si sviluppa nelle vallate create dal fiume Ebro esattamente un suo affluente il Rio Oja. Il distretto produce circa 1,4 milioni di ettolitri di cui l'80% è vino rosso. Il tempranillo è il vitigno principe delle zona con note fruttate e tanniche. Esiste una classificazione : Sin Crianza cioè vino non invecchiato in botte mentre Crianza indica invece che il vino ha trascorso almeno un anno in botti di rovere se rosso invece almeno 6 mesi se si parla di vini rosati o bianchi.
Il nostro vino uvaggio principalmente di Tempranillo 95% e di Graziano e Mazuelo per il rimanente 5% si presenta di color rubino tendente al granato, consistente il suo corpo.
Molto intenso e complesso al naso con grandi note eteree, di pelle, cacao, di frutta matura, tabacco e anche cannella e vaniglia. Al palato è caldo, secco e morbido; abbastanza fresco, abbastanza tannico e sapido. Ha una buona intensità ma non lunga è la sua persistenza.
Tra l'abbastanza armonico e l'armonico il suo giudizio finale. Le varie varie Tapas spagnole vanno a nozze con questo prodotto iberico.

Voto 84/100

Wednesday, August 20, 2008

Il Nero di Vignalta

Vignalta one of the few producers in the Colli Euganei region in the Province of Padova, uses rare grapes types to create fantastic wines. This hilly region (really just two or three small hills) were formed 30 million years ago from an under the sea volcano. The mixture of lava and sea life left the ground in the area, rich in minerals and perfect for coltivating grapes. Almost all the grapes are white like 'Sirio' a dry moscato and 'Agno Casto' a Pinot Bianco made only during favorable years. Reds include Rosso Riserva, a typical bordolese cut; 'Gemola' the companies main focus, and a special desert wine called ''Il Nero' made from the extremely rare Moscato di Parenzo grape. Parenzo, the city, is found on the Croatian penninsula of Istria, and the grape was probably imported at some point in time from the area. The wine reminds us of a similar Moscato di Scanzo grape found in Lombardia. Both leave the grapes longer on the vine to dry out the water inside the grape and therefor consentrating the sugars. Aromas were that of chocolate, cinnamon, spices and matured fruits. The taste reminded us of something similar to a port wine, with a good persistance and velvetness on the tongue. Definatly enjoyable since port is one of my prefered wines. We had it with a duncan hines birthday cake, but surely can be drunk with other deserts or aged cheeses.
Vote 87/100

I Vignalta sono dei produttori di vino molto capaci, le loro creatura se così le vogliamo chiamare sono tutte degne di nota. L'azienda si trova nei Colli Euganei in provincia di Padova in Veneto: le colline si sono formate circa 30 milioni di anni fa da una colata di lava e da un sollevamento del fondo marino sempre da una esplosione vulcanica. I terreni dove ci sono le colture di vite e di olivo sono così ricchi di minerali. I vini prodotti sono tanti dai bianchi come 'il Sirio' un moscato secco, all' Agno Casto un Pinot Bianco eseguito solo in annate favorevoli; ai vini rossi come il Rosso Riserva dal tipico taglio bordolese al 'Gemola' cavallo di battaglia dell'azienda prodotto da uve Cabernet sauvignon e Cabernet Franc. Dopo questa carellata di vini oserei soffermarmi però parlando di un vino rosso dolce chiamato 'Il Nero', una produzione molto ridotta ma di assoluta importanza. Il Moscato di Parenzo è l'uva principe nel 'Nero'. Parenzo città della penisola istriana, in Croazia precisamente. Uva questa molto rara sconosciuta ai molti ma di una squisitezza incredibile. Mi ricorda un suo lontano cugino il Moscato di Scanzo, ma l'impronta è sopratutto più di un vino porto che di un moscato. I profumi spaziano dalla frutta matura alle spezie come la cannella ai profumi terziari di selvatico al franco e netto sentor di cioccolato. Chiude con una bella persistenza in bocca Una piccola meraviglia che avvolge e avviluppa tutto il palato. Da abbinare a dei formaggi ma assolutamente da gustare con del cioccolato in quanto l'alcool molto presente va ad asciugare la succolenza indotta del dessert. Un piacere da provare. Voto 87/100.

Wednesday, August 13, 2008

Prosecco Sur Lie

Upon hearing about a tasting day out in Valdobbiadene, the prosecco region, we jumped at the chance to discover new wines. This fair which took place in the town of Guia, focused on proseccos 'sur lie' or Prosecco col fondo in italian, which pretty much means that they are made in the tradition 'champanoise' way of making sparkling wine. 32 producers offered up their version of this Venetian treat, as well as 11 sopressa makers (since the fair consisted of the two together) The four bottles we tried were by Mario Mattio, which offered a light and fresh but short tasting prosecco with very little bubbles; Canal Gilberto e Virgilio, which was good and mineral but also had short lasting bubbles; Vigento Vecio, my person favorite, which was delicate with slight florel hints and had slightly more resistant bubbles, and Ca' Salina, also quite florel, very dry, with a strong bread like taste. Unfortuantly prosecco isnt readily available outside of Italy, even outside the Veneto its hard to find. Its unfortuanate that its so unknown, maybe because often it is compared to champagne, the more well known and important, sparkling wine. BUt the two have nothing but fizz in common and prosecco just gets lost and pushed aside. The New York market offers very little in the way of prosecco and those that do exist are hardly some of the better brands.

Una delle zone vitivinicole più importanti nel Veneto e direi anche d'Italia e sicuramentedi cui si compone sono l'area del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene.
In provincia di Treviso per l'appunto numerosi piccoli paesi contigui uno con l'altro tessono un territorio collinare meraviglioso pieno di tradizioni e cultura.
In una domenica d'agosto ci siamo dilettati ad girovagare tra questi paesetti e curiosi come siamo abbiamo partecipato ad una Mostra-Degustazione a Guia di Valdobbiadene chiamata Prosecco col fondo e Sopressa.
Il Prosecco col fondo chiamato anche Prosecco sur lie è prodotto mediante l'aggiunta di zucchero nella botttiglia di vino base. Il vino base è il risulVigneto Veciotato della vendemmia dell'uva di Prosecco e imbottigliato nel momento cin cui si decide per l'appunto di farlo con il fondo.
Parlando con un produttore della zona mi diceva che mediamente aggiungeva circa da 1 a 1,5gr di zucchero per produrre una discreta dose di bollicine.
Va bevuto entro un anno dalla data di imbottigliamento ed è indispensabile 'scaraffarlo',cioè versarlo in una caraffa in modo da evitare l'intorbidamento dato dal sur lie.
Degustando alcuni fra i numerosi prosecchi tra cui l'az.agr. Mario Mattio, l'az. agr.Canal Gilberto e Virgilio, Az.Agr Vigneto Vecio e l'Az.Agr.Ca' Salina ci siamo fatti una idea sui profumi prettamenti fruttati di mele e pere alcuni e floreali di fiori di bianchi quasi tutti al gusto si distinguevano sopratutto i prodotti del Vigento Vecio e di Canal, quest'ultimo vincente quest'anno in questa manifestazione

Monday, August 11, 2008

Azienda Agricola Cecchini Marco

This past week here in Italy was a special due to the shooting stars that fall around this time of night every year. In the center of Mestre (the town just outside Venice) AIS held a fair called 'Calici di Stelle' or 'glasses of stars' which represented a few wine producers in the Veneto in Fruili. For 5 euros you could taste all you wanted!
One very prepared producer from Friuli we met was Azienda di Marco Cecchini. With a variety of grape types, they offer whites such as Pinot Grigio and Tove', which is also a white wine and combines Tocai Fruilana at 90% and Verduzzo at 10%. Really fresh and mineral, the Tove' carries out clean profumes of white fruit and flowers. Their red, the indiginous Refosco, was intense, complex and and soft. For a final treat they offer Verlit and Picolit. Both sweet desert wines the Verlit is made from the mertage of Verduzzo and Picolit grapes. Mature apricot and fig aromas filled our noses, while its velvet like consistancy remained on our tongues. Quite interesting and different then the normal desert wines. And if youre into grappa... they have that too.

In una bella serata d'agosto in Piazza Ferretto a Mestre si è svolta una manifestazione chiamata 'Calici di Stelle' con la collaborazione dell'A.I.S.
La manifestazione si proponeva di far conoscere al pubblico dei produttori di vino, formaggi ed olio; la fortuna ha voluto che sia la temperatura che l'umidità non fossero delle peggiori quindi era veramente gradevole trascorrere alcune ore in compagnia di amici.
Tra gli stand di vino ci siamo soffermati a lungo in quello dell'Azienda di Marco Cecchini, un personaggio molto interessante. Preparatissimo nel presentare i suoi prodotti e nello spiegare fin nei minimi dettagli alcuni particolari della vinificazione sconosciuti ai più.
Mi son veramente dilettato nella degustazione delle sue opere dal Pinot Grigio al Tovè, quest'ultimo un uvaggio fra Tocai Friulano per il 90% e il Verduzzo Friulano per il restante 10%.
Notevole veramente la freschezza e la sapidità del Tovè che si presentava con il suo giallo paglierino pulito con i profumi gradevoli di frutta bianca e fiori freschi.
Parlando abbiamo anche assaggiato il Refosco, vitigno rosso autoctono friulano di cui il nostro Marco ne andava fiero e direi con ragione perchè mi ha veramente impressionato la sua intensità, complessità e morbidezza.
Alla fine ho avuto l'onore di assaggiare un vino passito gelosamente tenuto in un frigorifero lontano da occhi rapaci. Era il Verlit un uvaggio di Verduzzo Friulano e Picolit, quest'ultimo interessantissimo vitigno autoctono del Friuli Venezia Giulia raro da trovare ma piacevolissimo da bere. I profumi del Verlit spaziavano dall'albicocca ai fichi, morbidissimo in bocca con un finale minerale e sapido interminabile.
Una vera stella tra i calici.

Wednesday, August 6, 2008

'Le Difese' Tenuta San Guido

Tenuta San Guido are the guys to know. By going ouside of the box and using tradition french wines (Cabernet Sauvignon and Merlot) in a strictly Sangiovese terrior, little did they know they would stir up the wine world and create such fantastic wines. These guys created the label 'Supertuscan' and their major wine, Sassicaia, is one of the most infamous reds in existance. Since not everyone can afford the sometimes outragous prices of the Sassicaia, a more affordable bottle, 'Le Difese,' was created. Three fourths Sangiovese and one fourth Cabernet, the 2003 vintage is heavenly. With 13% alcohol, it spends 14 months in French and American oak barriques. A ruby red color and slow moving legs lets us know whats ahead. Persistant red fruit profumes are strong enough to fill the room. Upon tasting, the warm, velvety feeling makes us smile. It has a good structure, and a right amount of freshness, mineralty and alcohol. Good work guys.
Vote 90/100

Tenuta San Guido è un'ottima azienda, sono stati fra i primi ad usare differenti uve su ettari della Toscana sempre vinificati a sangiovese e questo grazie a Mario Incisa della Rocchetta e al suo fiuto impiantando barbatelle 'bordolesi' prima sui terreni di famiglia e poi nella landa chiamata Bolgheri. Questo vino fa parte di una scuderia capeggiata dal ben noto Sassicaia il famoso Supertuscan probabilmente fra i dieci vini più conosciuti nel mondo. Chiaramente ancheil prezzo è differente per una bottiglia di 'Le Difese' bastano alcune decine di euro mentre per il Sassicaia ne servono alcune centinaia per i top vintage.
Parliamo del vino ora è un uvaggio di uve Sangiovese per 80% e di uve Cabertnet Sauvignon per il restante 20%. Il colore è un rosso rubino forse un po' granato nell'unghia del bicchire sicuramente consistente e intenso il suo profumo. La sua complessità è più forte nelle note fruttate, frutta matura direi; ma anche un po' di cacao e tabacco mescolato con una vena di erbaceo. In bocca s'esprime al meglio nella sua intensità e persistenza, i tannini molto avvolgenti lo completano. Ottimo da abbinare a piatti di carne alla griglia e selvaggina.
Il 'Sassi' ha trovato un buon fratellino.
Voto 90/100

Sunday, July 27, 2008

Sushi su

Good 'international' cuisine can be hard to find in Italy especially since the Italians are so proud of their own. But, once and awhile you can stumble on something really great. Sushi Su located just outside the city wall of Padovais real traditional japanese. Although the menu is not as extensive as what you'd find in restaurant in New York, or Japan for that matter, there are mainly items worth trying. Sushi and Sashimi plates, tuna or salmon tartar. Traditional miso or kani (crab) soup (tastes just like what we had in Kyoto) for cooler nights... or even hot ones, like we did since we were there in only last week. Not one for raw fish? They have Terriyaki and Tempura. We orderd plates from the later. Perfectly fried spring rolls, tempura-ed veggies, scampi and lobster. Everything was moist, tender and absolutly deliscious. Of course with all of this we needed something equally as good but nothing that would have over powered the delicateness of the fish. Whites naturally where our choice, three in total, two were from our ever reliable Jermann from the the hills of Fruili; Sauvignon Blanc and il Vinae, the second being a blend of Ribolla, Reisling and Malvasia. The wine list/menu is actually quite good, including some sake of course, and layed out newspaper style on transparent paper. But thats not the only design notable. The restaurant itself is quite interesting with lowered tables, green doors, dangling ropes and odd-shaped walls. Located on the second floor (su meaning up in italian) and therefor giving its name, it has a sister restautant called Sushi Gu (or down in Italian) and a few others located all within driving ditance. If ever in Italy and in need of an anti-italian fix.... go to sushi su.

Volevo soffermarmi ancora una volta sulla cucina giapponese. A Padova esiste un'ottimo ristorante giapponese chiamato Sushi Su , situato in via Giordano Bruno 42 tel 0498809285, molto divertente il nome in quanto gioca sulla situazione che al piano terra c'è una pizzeria e al piano superiore c'è per l'appunto il Sushi Su.
I piatti sono alquanto deliziosi e oserai leggeri come da tradizione del sol levante.
Iniziando con un mega piatto di sushi e sashimi per poi continuare con una zuppa d'alghe o di Kani che sarebbe il granchio (ottima senza ombra di dubbio). Il finale sconvolgente con una tempura di verdure, aragosta e gamberi.
I vini che sono stai prescelti erano in sequenza un ottimo Sauvignon Blanc e il Vinae(uvaggio di Ribolla e una piccola percentuale di Riesling e Malvasia) entrambi dell'Azienda vinicola di Silvio Jermann.
La lista dei vini è piacevole ed interessante ma dovrebbe essere presentata staccata dal menù di servizio.
Il locale dimenticavo offre anche un design minimalista .
Da provare.

Saturday, July 26, 2008

Morimoto New York City

While visiting friends and family in NY the first two weeks of July we had the fortune of going to Morimoto's restaurant in the meatpacking district. For those of you who are not familiar with the 'Iron Chef,' listen up! Morimoto has restaurants all over of the world from Japan to Philadelphia to NY. The super trendy interior designs and his nouveau japanese dishes are greatly appriciated by celebs and peasents alike- although if you are on a budget, buying his cook book might be a better option. Appetizers of tempura shrimp in wasabi or korean sauce, pulled pork, lobster balls, gyoza and tuna tartar (my favorite) where a great way to start off the meal. Paired with a Sauvignon Blanc from France, the crisp and light accents of the wine didn't distract you from the subtleness of the fish in each dish. Roasted duck with plum wine sauce, seabass over tomato and eggplant with lemongrass juice and of course a sushi/sashimi plate where next in line and shared with a bottle of Sancerre. After dinner we ordered a few deserts, mainly all based with chocolate, but as for me (a non chocolaholic) I had a 40yr old Port which completed the deliciously splendid evening.

Bene un viaggio nella metropoli di New York City nel mese di Luglio è proprio quello che ci vuole.
Alcuni amici ci hanno portato nel distretto di Meat Packing una volta centro del macello per le carni provenienti da tutta l'America ora sotto i riflettori, come già spesso è avvenuto in altre zone di Manhattan, a causa dell'esodo di negozi, hotel di lusso, apartment buildind e ristoranti . E per l'appunto di un ristorante di cui voglio parlarvi Morimoto. In auge grazie alla partecipazione del suo proprietario giapponese di Hiroshima, Masaharu Morimoto, al Tv Show americano "Iron Chef". In effetti i suoi piatti molto suggestivi influenzati senzadubbio anche dalla cucina occidentale, attirano tutte le celebrity del momento, quindi un locale molto di design il cui prezzo è impegnativo ma non troppo. Se il vostro range è ristretto potete comperarvi il suo libro che comprende numerose pietanze create da questo"genietto dei fornelli".
Abbiamo aperto le danze con un piatto di gamberetti in tempura al wasabi o salsa Koreana, maiale a straccetti, polpettine di aragosta, gyoza e una tartar di tonno ( la mia preferita).
La scelta del vino è caduta su un Sauvignon Blanc dalla Francia che non travolgesse l'estrema leggerezza degli "appetizer". Per il piatto principale ci sono state diverse scelte tra cui
l'arrosto d'anatra servita con salsa di prugna al vino rosso, branzino su un letto di pomodorini e melanzane e salsa di "lemongrass" e naturalmente un grandissimo piatto di sushi e sashimi
abbinato ad un Sancerre sicuramente più intenso e complesso del primo infatti i piatti in questo caso erano più complessi e di maggior struttura.
La scelta del dessert è caduta in diverse creazoni al cioccolato accompagnate dulcis in fundo da un Porto riserva invecchiato 40 anni

Tuesday, July 15, 2008

Prime Uve Nere Bonaventura Maschio

Aw! Our first grappa article! Well... not exaclty grappa, but acquavite d'uva. Whats the difference, you might ask? Well, both are distillations from grape byproducts, but grappa is made from the 'vinacce', or leftovers after pressing, mainly squished skins and seeds. Acquavite is made from the must of wine, or the wine before it is fermented. A slight but big difference. In any case, the acquavite in particular we are writing about it Nere, by Prime Uve. The society is four generations in the making starting with Mr. Antonio Maschio until arriving to today. They produce the grappa in an area called Gaiarine around Treviso. Gaiarine is probably named after the kind of soil present in the area. Made from Cabernet and Refosco grapes, distilled and aged in oak barrels, it is closer in taste to a red wine then most grappa I've tasted- maybe this is the difference between grappa and acquavite... Strong, elegant and velvety with vanilla, fruits and oak scents and flavors. A great after dinner drink.
Vote 85/100

Finalmente un articolo che parla di un distillato ma non di una grappa ma di un acquavite d'uva.
La differenza sta che la grappa è un distillato di vinacce spesso usate per fare il vino, mentre l'acquavite è un distillato di mosto d'uva.
E' notoriamente un distillato preferito nelle regioni settentrionali italiane dove viene prodotta maggiormente. I vitigni usati sono i più svariati e conosciuti ai più anche se adesso si possono trovare anche molto particolari come quelle prodotte da brunello. Comunque l'acquavite in questione è quella di una notissima azienda Prime Uve Bonaventura Maschio. Una storia la loro tramandata da quattro generazioni cominciata dal Sig. Antonio un centinaio di anni fà fino ad arrivare agli attuali proprietari tra i quali il Sig.Bonaventura .
L'Azienda è situata nella zona orientale del trevigiano esattamente a Gaiarine, nome probabilmente proveniente dal particolare suolo ghiaioso della terra di produzione dell'acquavite.
Prime Uve Nere è prodotta da due vitigni Refosco e Cabernet la morbidezza e il profumo accoglie piacevolmente chi la beve, la nota vanigliata della botte dove trascorre la sua maturazione è presente come le note delicatamnete aromatiche delle uve. Un ottimo prodotto da aver in casa e da versare con parsimonia dopo un pranzo o una cena da dividere con gli amici
Voto 85/100

Friday, July 4, 2008

Chateau Lamothe Vincent Sauvignon Semillon

Unlike most Americans, who drink good old american beer the 4th of July, we decided instead to have a bottle of french wine... I know, very unpatriotic, but if given the opportunity to try something you've never had before, why not? This particular bottle we picked up in a liquor store in my hometown; Rockville Centre. They have a pretty good selection of wines all over the world, which is great for someone who just wants to try different wines. So getting down to business... we bought a bottle of a semillon and sauvignon blanc blend by Chateau Lamothe Vincent, and brought it to our bbq- i know- very un 4th like. But it was much better than we even thought it would be. These grapes normally used to make Sauternes in Bordeaux make a fantastic wine. Straw yellow with intense perfumes and a medium complexity. Floral and fruity with slight mineral and erby scents. When drunk, we are reminded of these white fruits (peach, apricot) and of its minerality. Definatly soft and welcoming on the palate, with a good freshness that balances out the alcohol. Intense and with a medium persistance. Overall a steal for only $11!
Vote 80/100

Abbiamo avuto l`occasione di aprire una bottiglia dell`azienda francese Chateau Lamothe Vincent, un uvaggio di semmilion e sauvignon blanc. spesso si usa per creare quella delizia si un sautern di cui noi abbiamo gia` parlato nel post...., in questo caso invece il vino era secco emolto piu` economico del sautern.
Il colore era un giallo paglierino intenso il profumo e abbastanza complesso, le note esaltavano piu`il floreale nei fiori bianchi e il ricordo dell`erbaceo trasaliva pian piano. Il fruttato si componeva nella pesca a polpa bianca e nella`albicocca il tutto sicuramente gradevole,
In bocca secco come ricordavo sopra e direi morbido sicuramente la componente del semmilion si faceva riconoscere alcool era abbastanza bilanciato,freschezza presente la nota minerale forse mancava di espressine. abbastanza bilanciato e abbastanza armonico.
Intenso all`ingresso in bocca e abbastanza persistente.
In complesso non male per un vino che in enoteca costa sui 11 $.
voto 80/100


Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites Add to Technorati Favorites

wine Blogs - BlogCatalog Blog Directory

La marcia del V2-Day Subscribe with Bloglines
Directory of Food/drink Blogs
View blog authority